Sei un grinder che non riesce a battere i primi livelli? Stai perdendo fiducia in te stesso? E’ il momento di fare un lungo respiro e girare pagina dalle vecchie abitudini. Seguite queste regole, alla fine sarete giocatori più solidi e getterete le basi per essere dei vincenti.

Gestione del bankroll accurata

 

Nei micro stakes l’errore comune per molti giocatori è di non dare troppa importanza alla gestione del denaro e di giocare a limiti più alti rispetto alle proprie skills, ma anche alle risorse finanziarie. Se pensate di rientrare in questa categoria ponderate bene queste parole: non riuscirete a capire a che livello profittevole dovete giocare e rischiate di salire di stake troppo velocemente, facendovi male.

Giocare fuori bankroll inoltre influisce sul vostro mindset perché improvvisamente sentirete la pressione del denaro nelle fasi cruciali di un torneo o in un pot. Giocate rispettando in modo preciso ogni regola di gestione del roll, fate due passi indietro, è il modo migliore per iniziare a fare sul serio.

 

Giocate con meno tavoli aperti

 

Concentratevi sulla qualità del vostro gioco, pochi tavoli aperti ma con un poker più brillante. Questo modo di agire vi aiuterà a ponderare meglio scelte e situazioni che alla lunga possono trasformarvi in giocatori vincenti. E’ vero che giocare tante mani vi consente di accumulare esperienza ma se giochi la stessa mano in modo sbagliato tante volte, alla fine perderete solo dei soldi e non imparerete nulla.

Se state perdendo, vuol dire che dovete lavorare molto sulla tecnica e sulle basi del vostro gioco prima di tutto, cercando anche di studiare gli avversari per sfruttare i loro lati deboli. Una volta che avete capito certi errori, allora spingere e dare maggiore action. Evitate inoltre qualsiasi distrazione durante le vostre sessioni.

 

Controllo della vostra mente: gestione del tilt

 

Il tilt è un nemico subdolo che potrebbe farvi bruciare profitti accumulati dopo mesi di sacrifici. Dovete essere mentalmente più forti. Quando subite uno scoppio dovete solo pensare che fa parte del gioco ed essere contenti che ci sono dei giocatori che vi chiamano con delle mani assurde. Nel lungo periodo li ringrazierete.

Se avete commesso degli errori anche banali non drammatizzate, annotateli su un quaderno e fatene tesoro per il futuro.

Se è una giornata storta ed avete subito diversi colpi bassi, chiudete il Pc, andate a fare una bella passeggiata o fate sport. Il poker può aspettare ed il vostro obiettivo principale è tutelare il vostro roll nei momenti più difficili.

 

Fate analisi post sessione

 

Una volta che avete smesso di giocare è sempre utile analizzare certi spot e mani giocate. Annotate durante la sessione le mani più interessanti o i piatti più ricchi e rianalizzateli a bocce ferme. Post sessione è l’ideale perché avrete la mente ancora bella fresca per ricordare ogni particolare di quello spot. Lo studio deve essere la vostra arma in più così come l’analisi rispetto al resto degli amatori che giocano solo for fun. L’edge dovete costruirvelo su questo tipo di players in fase iniziale.

 

Affidatevi ad una scuola e a dei coach

 

Se volete dare una svolta alla vostra esperienza pokeristica ed capire quale sia l’approccio giusto con il poker online e live, la cosa migliore è affidarvi ad una scuola e a dei coach. Entrare in una struttura professionale come PokerMagia può esservi molto utile ed anche divertente. Attraverso lo studio e l’esperienza ai tavoli, guidati da dei coach esperti, non perderete di certo tempo ed ogni giorno potete condividere con altri giocatori come voi la vostra esperienza.