Ciao Fernando e complimenti per lo shippo. Come prima domanda, per sciogliere un po’ il ghiaccio, vuoi parlarci un pochino di te? 

“Intanto grazie. Ho 34 anni sono nato in provincia di Caserta ma abito a Modena fin dai primi anni di vita; sono un perito informatico e vivo con i miei genitori”.

Gli inizi di Fernando Frasso

 

Come è iniziata la tua passione per il poker? Hai cominciato piuttosto presto da quello che mi dicono.

Anche di più! Già fin da piccolo mi ricordo che giocavo con mio nonno a scopa e a briscola, ma a poker ho iniziato a giocare nel 2008 nel club di un amico che mi ha introdotto a questo gioco“.

Vuoi imparare a giocare a poker? Entra nella scuola di poker più prestigiosa d’Italia! Clicca qui e iscriviti!

Hai passato un po’ di tempo lontano dai tavoli live, per poi riprendere con i ragazzi di Pokermagia. Come mai questa scelta? Come sei entrato in contatto con loro?

Sì, sono stato due tre anni fermo per motivi personali. Per rimettermi in sella ho pensato di studiare un po’ l’evoluzione del gioco con Alessandro Chiarato, Davide Suriano e Mario Bucca che ringrazio, prima di fare richiesta alla scuola migliore di Italia, Pokermagia!”

I migliori coach

 

Hai avuto qualche giocatore in particolare che ti ha seguito per tutti questi anni?

“Con la scuola penso di essermi quasi completato: Stefano Terziani ha fatto un gran bel lavoro e il coach Alessandro Cislaghi e’ in gamba e sa sempre bene cosa dire e quali dritte dare per indirizzarsi al meglio in questo percorso

Prima di magia mi ha seguito un po’ l’amico Davide Suriano; ho giocato per un periodo coachato da  lui sia Cash che MTT”.

Giochi esclusivamente MTT oppure ti diletti in qualche altra disciplina?

“Ho giocato anche cash games ma penso che la maniera migliore sia scegliere una disciplina e applicarsi bene in essa, per cui gioco praticamente solo MTT. Poi puo’ capitare qualche sessione cash random”.

Parliamo del torneo dove hai fatto runner up. Qual era, quante persone iscritte? Che piattaforma?

“Il torneo e’ il Magic Monday che ho giocato su Ipoker. Era un €20.000 Garantiti e partivamo in 393″.

Il torneo da protagonista

 

È stata dura arrivare a fare runner up? Quando hai capito che si potesse concludere in qualcosa di estremamente positivo? 

“Diciamo che non è stato un torneo difficilissimo. 

Sono stato praticamente nei piani alti del count per tutto il torneo, pochi bluff, ho giocato bene le  mani forti che ho avuto prendendo il massimo del valore e perso i minimi quando avevo buone mani ma ero dietro”. 

Vuoi imparare a giocare a poker? Entra nella scuola di poker più prestigiosa d’Italia! Clicca qui e iscriviti!

Ci sono delle mani che ricordi particolarmente per la tua scalata al secondo posto? 

“Ho perso una mano importante in BVB verso la fase finale che fortunatamente non mi ha compromesso il torneo, contro un reg abbastanza forte che ha shovato da piccolo buio 18x con q7. 

Io avevo una coppia di Jack ed e’ andato lui. 

In quei casi non si deve perdere la calma, penso che sia un gioco dove la disciplina rivesta un aspetto molto importante”. 

C’è del rammarico per non essere riuscito a vincere?

Rammarico sinceramente no, in heads up partivamo 4 a 1 per lui, ho ridotto il gap a 2 a 1, abbastanza facilmente e li pensavo di poterlo vincere easy, ma poi brookiamo JJ vs AK e va lui. That’s poker.

Quali sono le tue intenzioni adesso? Continuerai a grindare oltre che a seguire il tuo lavoro? 

“Sì, continuerò con Pokermagia e l’obiettivo è di arrivare quanto meno a giocare ABI (Average Buy In) 20/30 e tornare a farne la mia professione principale. 

Un ringraziamento a voi di PokerMagia e speriamo che si possa tornare presto alla normalità”. 

Grazie Fernando, sei stato molto gentile e in bocca al lupo per il tuo futuro.