I giocatori di poker professionisti come calcolano i loro potenziali guadagni? E’ possibile farlo? Ricordiamo che nel poker il problema rimane la varianza ed è impensabile poter ipotizzare un salario per un determinato periodo di tempo.

C’è però un valore che si chiama win rate che può essere molto indicativo se calcolato su volumi molto alti. A spiegarci bene questo concetto è la professionista brasiliana Vivian Saliba, sponsorizzata da 888Poker, nonché nota regular nei giochi PLO cash game.

La bella pro carioca ama condividere alcuni concetti di strategia basic con i suoi followers. Vivian spiega nel dettaglio il Win rate:

“I poker players non hanno un salario, anche se sono professionisti e fanno i pro full time. Ma come fanno a calcolare quanto guadagnano, come fanno a capirlo in maniera indicativa? E’ azzardato solo ipotizzarlo oppure possono prevedere quanto possono vincere o perdere ogni mese?“.

Entra subito nella scuola di poker più prestigiosa d’Italia! Clicca qui e inviaci un messaggio!

Con il win rate è possibile avere una stima abbastanza precisa di quanto si vince o si perde per un determinato periodo ai tavoli nel cash game online.

Ogni giocatore di poker può fare delle stime utilizzando il win rate come metro di giudizio per capire quanto vincerà su un certo periodo di tempo. Chi gioca il cash game online e utilizza i software di supporto sa bene cos’è il win rate, perché sono gli stessi software a mostrare questa statistica“.

Vivian spiega che non ha senso calcolare questo valore dopo 100 mani giocate.

Questo valore ha un significato credibile solo su grandi volumi di gioco e solo in quei casi è un indicatore da tenere in considerazione. Anche perché sul breve periodo l’incidenza della varianza è più forte ma sul lungo periodo i numeri si avvicinano sempre di più alla realtà, rendendo il win rate di un giocatore un ottimo indicatore del suo valore”.

“Normalmente il win rate nel cash game online è calcolato con la quantità di big blind vinti o persi ogni 100 mani giocate ed è espresso in BB/100. Può anche essere definito in denaro, ad esempio in dollari vinti o persi ogni 100 mani giocate”.

Nel live funziona allo stesso modo? “Spesso i giocatori – spiega Vivian – di poker live calcolano il loro win rate utilizzando un parametro temporale: quanti soldi vincono o perdono per ogni ora giocata (money/hour) oppure quanti big blind vincono o perdono per ogni ora giocata (BB/hour)”.

 

 

Come calcolare il win rate?

Con un esempio facile della pro brasiliana è possibile comprenderlo: Se il giocatore X ha un win rate di 10 BB/100 e gioca il $0.5/$1 PLO cash game, significa che guadagna $10 ogni 100 mani giocate“.

La formula è la seguente: (totale vinto/perso)/(totale delle mani giocate/100).

Più aumentano i volumi e più questo valore dovrebbe essere attendibile, a meno che il player non giochi su troppi tavoli contemporaneamente e perda parecchia Ev. E’ possibile che con l’aumento dei volumi, diminuisca il win rate ma aumenti il guadagno. Per capirlo leggete questo esempio che fa Vivi:

“Se il giocatore X gioca 5.000 mani al mese e ha un win rate di 10 BB/100, vincerà $500 al mese su un tavolo”.

“Mettiamo caso che faccia multitabling e giochi 50.000 mani: il suo winrate potrebbe scendere, mettiamo caso a 5 BB/100: vuol dire che vincerà $5 ogni 100 mani incasserà $2.500 al mese. Cinque volte in più rispetto a quando monotablava e aveva un winrate alto il doppio”.

Come detto il Win Rate è un parametro che diventa credibile solo con alti volumi.

Entra subito nella scuola di poker più prestigiosa d’Italia! Clicca qui e inviaci un messaggio!